7 modi per aumentare l’engagement sui social media

L’engagement (unione) è un fattore importante per poter avere successo sui social media. Per una piccola e media impresa poter intrattenere i propri fan e follower sta diventando un’impresa ardua, soprattutto dopo i continui cambiamenti di algoritmo di Facebook e Instagram, dove giocano un ruolo decisivo gli interessi e comportamenti che hanno le persone all’interno delle piattaforme.

Come aumentare l’engagement sui social media?

Prima di tutto devi tenere in mente tre principi fondamentali:

  • Intrattenimento
  • Promuovere le novità
  • Raccontare qualcosa di personale

Per poter applicare questi principi sui social media non basta avere delle buone idee, bisogna far leva sulla psicologia di chi sta dall’altra parte dello schermo. , studiare un messaggio ad hoc per il tuo pubblico è uno dei principi del content marketing.

Certo entrare nella mente di tutti è quasi impossibile, ma si possono ottenere buoni risultati facendo leva su questi aspetti:

  • Desiderio delle persone, stimolare il desiderio è uno delle motivazioni di ogni web-marketer, (volere)
  • Bisogni delle persone, come affermo molto spesso le persone hanno delle esigenze da soddisfare, anche quelle che meno ti aspetti (perché)
  • Far leva sulle paure o sulle mancanze. La paura è una costante nella nostra vita, possiamo aver paura di non farcela in qualcosa di non essere all’altezza della situazione, oppure che manca qualcosa nella nostra formazione per essere competitivi. Molti blogger e marketer fanno leva sulla paura nello studio del target, lo trovo un modo abbastanza geniale per suscitare l’attenzione sulle persone.

Però non basta far leva su questi principi psicologici per poter creare engagement nei post.

Prima di creare contenuti validi per i social media devi prestare attenzione a dati analitici come gli insight di facebook e twitter dove vengono forniti gli orari migliori e  contenuti che hanno avuto maggiore engagement. Pubblicare quando i tuoi fan e follower sono online. Grazie agli insight e i dati puoi analizzare con quali contenuti interagiscono di più gli utenti.

Ecco 7 tipologie di post che, secondo me, non dovresti assolutamente trascurare in un piano strategico per i social media.

1. Racconta una storia

Le persone amano le storie, chi non ne ha una. La ragione per cui le storie hanno un gran successo è perché riguarda qualcosa di personale, qualcosa che anche le altre persone si possono ritrovare e confrontare. Il mio consiglio è quello di cercare di condividere parte della vita dell’azienda nella tua comunicazione sui social media.

2. Behind the scene: posta i retroscena della tua attività

Competere è rilevante nei social media, raccontare i retroscena di quello che accade durante l’attività è un modo per umanizzare l’impresa o l’evento in questione. Grazie all’introduzione delle stories su Facebook e Instagram puoi raccontare i retroscena durante la giornata in modo veloce e che non richiedono tanto tempo nella creazione del contenuto.

Inoltre puoi inserire le stories che hanno avuto più successo tra gli Highliths.

3. Aumenta l’engagement con lo status up-date

Tenere il diario o il news feed aggiornato è un modo per favorire l’algoritmo per qualsiasi piattaforma social, un tipo di post può essere solo con del testo (senza link e media da inserire), porre delle domande al tuo pubblico può aiutare la tua attività concretamente, soprattutto quando hai bisogno di capire quali prodotti e servizi i tuoi fan si aspettano da te.

4. Pubblica post virali

Come ti dicevo in alto, l’intrattenimento è uno dei motivi per cui le persone stanno sui social media.

Ti consiglio di inserirlo nel tuo piano editoriale! Divertili con immagini, meme e gif divertenti.

5. Ispirali con frasi motivazionali e quote

 Io amo le citazioni e mi piace ispirare. Questo tipo di contenuto piace molto alle persone e fa parte delle tre leve psicologiche su cui devi puntare.

6. Pubblica post tutorial

Ricorda, le persone hanno bisogno di sapere cosa fare e come comportarsi per fare al meglio un’azione, mi capita spesso di pubblicare questo tipo di contenuto. Aiutare le persone è un modo di prenderti cura dei clienti.

7. Pubblica video

Sia che tu sia del mestiere o che non lo sia, hai capito quando siano importanti i video in una strategia social. Oramai alcune piattaforme, come Facebook e Instagram ti permettono di fare live streaming. Se non ami i live, potresti registrare un video di pochi minuti anche dal tuo smartphone. Guarda come ho fatto io su Instagram!

Conclusioni

Oltre a queste idee, è rilevante verificare le performance dei post che hai pubblicato. Ogni social media ha le sue metriche e i suoi insight. Ecco quello che secondo me non dovresti trascurare:

  • Copertura dei post, il numero totale di persone che hanno
  • Impression, il numero totale di visualizzazioni che ha avuto un post
  • Like e Reactions, il numero di persone che hanno mostrato interesse verso il post
  • Condivisioni, quante volte il tuo post è stato condiviso
  • Commenti, quanti commenti e quali tipi di commenti le persone hanno espresso nel post

Per quanto riguarda i video ci sono altre performance da valutare, gli insight di Facebook sono abbastanza esaustivi a far capire quante persone hanno visualizzato per intero il video, per quanto tempo l’hanno visualizzato, e i minuti di visualizzazione.

Valutare e studiare le performance del post sono importanti, per capire quello che ha funzionato nell’attività social e cosa è necessario migliorare per migliorare la strategia.

Se ti è piaciuto questo contenuto, condividilo su:

Marina Pitzoi Growth Hacker

Mi chiamo Marina Pitzoi, Facebook Advertising Specialist & Growth Strategy.

Guido imprese, corporate, ed agenzie di marketing e comunicazione, a creare e pianificare una strategia di marketing e di crescita, attraverso i social media e le campagne social advertising.

L’obiettivo? Raggiungere i loro obiettivi di business e marketing.