Social Media Marketing

Personal Branding sui social media

Sicuramente avrai sentito diverse volte parlare del Personal Brand. Magari ne hai parlato con gli amici, con i tuoi colleghi, o forse non ne hai mai sentito parlare, e ti starai chiedendo di cosa si tratta. Bada bene, non sono qui per farti la sviolinata, ma suggerirti il più possibile quello che secondo me è più giusto fare nella cura della reputazione online, e più in particolare sui Social Media.

Questo mese è il terzo anniversario del mio lavoro da social media manager, e in tre anni tra errori vari, ho capito quanto sia importante la cura del personal brand online e offline.

Leggi anche > Freelance e Blogging: la mia esperienza di un anno

Cos’è il Personal Brand?

Il Personal Brand, per me, rappresenta quello che sei nel web e offline. È il valore che trasmetti attraverso la comunicazione dei tuoi bisogni e interessi attraverso i social media. Negli anni il concetto di personal brand ha preso piede online e si può definire da due punti di vista:

  1. Strategico, definire uno schema contenente: chi sei, cosa fai, quali sono i tuoi obiettivi nei confronti della tua audience, come ti sei posizionato nel mercato e nel web (sito web e social media), quali strumenti utilizzi per comunicare la tua persona e la tua azienda online e offline.
  2. Empatico, riguarda il valore che offri alla tua audience online. Qual’è il tuo modo di comunicare? Che tono di voce hai utilizzato? Hai deciso di rivolgerti ad un pubblico ampio o ristretto (nicchia). Riguarda il tuo atteggiamento nei confronti dei tuoi collegamenti sui social media.

Le tecniche di personal branding sono le stesse che si applicano per un brand aziendale. Per dirla tutta, se sei un imprenditore o un professionista in crescita non potrai più trascurare e mettere da parte queste tecniche. Un buon professionista del web, secondo me, deve aver cura dell’immagine e della comunicazione online, differenziare i due tipi di comunicazione è un errore da evitare.

Perchè ti dico questo? Perchè le persone si ricorderanno di te e della tua azienda dal modo in cui comunichi, e dall’atteggiamento che hai nei confronti degli altri sui social media. Avere una buona reputazione online deve far parte della tua strategia di marketing. Bada bene, avere una buona reputazione è anche saper gestire i social media adatti alla tua azienda.

Una cosa che ho imparato con il tempo nel mio lavoro: è affermare la mia individualità. Non sono diventata egoista nel tempo, amo condividere pareri, opinioni, articoli di altre persone, a patto che non mi si faccia capire che lo devo fare a forza, altrimenti non si collabora. All’inizio di questo mestiere forse ho condiviso più cose degli altri piuttosto ciò che poteva riguardare me stessa, non dico che sia stato un errore, però non sempre ha avuto dei benefici.

Non parlo solo di condivisioni, ho condiviso idee online, pensieri, contatti, articoli.

Sulla base dei miei errori vorrei darti dei consigli utili per affermare la tua autorevolezza e individualità nel web e social media.

Ecco alcuni errori da evitare nella tua comunicazione sui social media.

#1. Non condividere se non hai letto l’articolo

Una delle cose che amo fare sui social media: è la condivisione. Quest’ultima è alla base dei rapporti sui social, in qualsiasi piattaforma, da Facebook a Twitter, Google Plus e Linkedin. Però molto spesso può capitare di essere frettolosi nel condividere un post di altri o siamo superficiale nella descrizione del post.

Allora è bene leggere attentamente quello che si vuole condividere e inserire una descrizione adeguata, anche breve, così i tuoi fan, amici o follower possono comprendere quello che vuoi condividere con loro e attivare una conversazione (interazione) adeguata.

#2. Evita commenti markettari

Ipotizziamo che stai seguendo un post su linkedin che parla di un argomento specifico dove diverse persone hanno commentato condividendo la loro esperienza. Ora evita di scrivere commenti con: “Noi di X facciamo così ecc.” Non è del tutto sbagliato, però devi badare al contesto della conversazione in quel preciso istante.

#3. Evita di taggare 20-30 persone in un post

Su questo punto ci sono tante cose da dire e tanti casi da prendere in considerazione. Molte persone per mettere in luce la propria attività è convinta che taggando 20-30 persone si va a generare il passaparola online, questo accade spesso su Facebook, è una cosa che io non amo fare, anche perchè le persone si sentono obbligate a commentare, e a condividere nei propri profili un post di altri.

Pensa a tutte le notifiche. Ti sarà capitato anche a te, una volta sui social, di essere taggato dove ci sono altre settordicimila persone. Non è molto corretto!

Post di questo tipo vanno bene per determinate occasioni. E quando dico occasioni, non vuol dire tutte le sacro sante occasioni.

#4. Evita di soddisfare eccessivamente il tuo ego o quello altrui

Ti ricordo che i social media sono nati per collegare più persone nel mondo e condividere parti di vita quotidiana, che comprendono anche le tue. Ma non solo le tue, anche quelle degli altri, o meglio te insieme agli altri. Condividere post che riguardano i colleghi che stimi di più, risorse che possono essere utili alle persone, e non solo le tue risorse.

Vale anche il contrario, ossia non stare a condividere perennemente la voce degli altri. Abbi cura anche della tua voce. Sei una persona con un cervello, sforzati! Cosa accade se condividi esclusivamente post altrui? È come se fossi dipendente dell’opinione degli altri.

È vero devi fare rete, però prima di tutto ti devi ascoltare tu e il tuo pubblico.

#5. Evita di screditare colleghi e aziende

Screditare colleghi e aziende è all’ordine del giorno, con post sui social media, leggo post blog dove si fa riferimento all’operato di altri colleghi. Certo, non possiamo piacere a tutti. Però credo che si possa evitare di fare nomi e cognomi, o di gridare perennemente all’epic fail, e a come le aziende non sappiamo gestire le crisi e recensioni online.

Gestire la reputazione online non è semplice, neanche per le grandi aziende.

Suggerimenti

Una buona comunicazione online è basata sull’ascolto delle persone, inserendosi in un contesto adeguato al pubblico.

Il mio consiglio sul personal brand è di delineare bene i tuoi obiettivi e quali vantaggi puoi trarne dalle persone. Basa la tua presenza online sulla semplicità e coerenza. Molti grandi Brand basano la loro comunicazione sui social media e sulla semplicità, perchè è un modo per rimanere vicino alla loro audience.

Sii te stesso. Avere due atteggiamenti diversi da offline a online, nel corso del tempo risulteresti falso, e di questi tempi non ti conviene.

Ora tocca a te. Come gestisci il tuo personal brand sui social media?

 

P.S: ti sei iscritto alla newsletter? Compila il form qui sotto!


Social Media Manager, guido le piccole e medie imprese a sviluppare una presenza e distribuzione online attraverso i social media, con tecniche di visual content marketing e studio di campagne social advertising nei maggiori social network. Laureata in Economia e Management del Turismo.

Condividi