Social Media Marketing

È diverso tempo che penso a questo articolo. Da Twitter Addiction avrei dovuto parlarne prima, ma cercavo il modo migliore, e in parte diverso per affrontare questo tema. Non l’ho fatto prima perché ci sono stati periodi in cui blog italiani e internazionali non facevano altro che parlare dell’hashtag.

Un tema troppo importante nel lavoro di un Social Media ManagerSocial Media Strategist e Community Manager. In parte avevo accennato di questo argomento quando ho parlato di Twitter Instagramma fino ad ora mai approfondito.

hashtag cosa sono

Hashtag cos’è e come utilizzarlo

La parola Hashtag deriva dalla parola inglese hash (cancelletto) e tag (etichetta), fonte Wikipedia. Il suo primo uso fu nel 2007 su TwitterÈ il simbolo che serve per marcare una parola chiave o per dare un argomento ad un tweet, oramai il suo uso si è propagato anche in altri social media come Instagram e Google Plus. Molto spesso viene utilizzato anche su Facebook sempre per identificare un argomento, mentre, a volte viene utilizzato da persone e aziende in modo eccessivo e inappropriato. Per questo voglio far comprendere meglio il suo utilizzo e la funzionalità.

Perché creare un hashtag per la tua attività di social media marketing? 

Grazie all’uso di una semplice parola puoi racchiudere una Community di persone e farle ruotare intorno al tuo brand, sia che tu sia una PMI che un libero professionista. Inoltre crearne uno aiuta lo storytelling della tua impresa; associando un messaggio  ad un hashtag personalizzato le persone possono propagare il tuo brand attraverso un post. Ci sono diversi metodi per viralizzare, ad esempio inserirlo in una copertina di youtube come fa Gary Vaynerchuk con #askgaryvee.

Gary Vaynerchuk copertina youtube

 

Oppure puoi:

√ inserirlo nella descrizione di un post

√ inserirlo in un immagine e foto 

√ inserirlo nelle e-mail come promemoria o per annunciare un evento in corso

√ fai un programma televisivo? Bene inseriscilo in alto a sinistra come fanno i programmi di sky, in modo tale che le persone quando guardano il programma commentano attraverso i social menzionando l’hashtag. Queste sono alcune idee su come puoi inserire questo strumento nella tua strategia di social media marketing.

Hashtag ed Engagement

È rilevante saper scegliere un hashtag che racchiuda il tuo brand, ecco qualche consiglio su come crearlo:

√ Univoco: se si tratta di un evento che si rispetti e si ripete ogni anno, tipo #BTO2015

√ Memorabile: in modo da rimanere impresso nelle persone e che abbia un valore affettivo, come #PrayForParis

√ Chiaro: #nomeevento, meglio abbreviare

√ Breve, se possibile. Ricorda, su Twitter hai 140 caratteri a disposizione

L’utilizzo dell’hashtag fornisce al tweet un argomento o accentua una parola; aiuta anche l’engagement del tuo brand e fa da collettore di contenuti di post creati da altre persone attorno ad un argomento. Infatti, l’engagement dei tweet contenti hashtag sono: due volte più condivisi rispetto a quelli senza. Il 21% dei tweet contenenti due hashtag, hanno un maggior engagement rispetto a quelli che ne hanno più di due (secondo dati Hubspot). Quindi è meglio non esagerare.

Espandi la tua audience con gli hashtag

 

Ricerca, analisi e monitoraggio dell’hashtag

Ora passiamo ai tool di monitoraggio. Fino ad ora ti ho spiegato quanto è importante nella comunicazione del tuo brand e come implementarlo nella strategia di social media marketing e content marketing. Oltre alla parola chiave principale del brand, giocano ruolo rilevante le parole chiave che ruotano attorno alla tua attività, per questo è necessario fare ricerca e analisi attraverso i tool.

RITETAG.COM

Ritetag  è uno dei più semplici da comprendere in tema di ricerca, analisi e monitoraggio. È un tool gratuito, che comprende una parte a pagamento, puoi fare login attraverso Facebook, Twitter o registrandoti. Hai a disposizione più di 20.000.000 di hashtag, puoi verificare i trend in quel momento e  quali sono correlati a quella parola chiave. Inoltre puoi attivare un alert e tenerti aggiornato su quello che accade.

Ritetag.com

KEYHOLE.CO

Keyhole l’ho scoperto da poco non sapevo per niente della sua esistenza e mi ha soddisfatto sin da subito. È un tool gratuito puoi fare ricerca di una parola chiave su twitter e instagram, ti fornisce risultati sugli utenti influenti e recenti che hanno utilizzato un determinato hashtag. Inoltre puoi avere una serie di notizie tra cui le parole correlate e da quale dispositivo fanno uso, come: il desktop, da quale sistema operativo è stato inviato android o iOS, oppure da quale tool di social media management come buffer e hootsuite. Puoi anche scaricare il report dell’analisi che stai effettuando.

KeyHole tool

HASHTRACKING.COM

La versione free di questo tool è semplicissimo, basta inserire la parola chiave che ti interessa puoi scegliere se loggarti attraverso twitter e instagram e ti restituisce: l’attività intorno a quella parola, gli account più influenti da seguire e i tweet che hanno citato quella parola. Uno strumento veloce se vuoi avere un overview non troppo dettagliata.

Hashtracking tool di monitoraggio

POSTPLANNER.COM

Postplanner è un social media engagement e management. Puoi verificare l’engagement attorno ad una parola chiave, io lo sto testando in questo mese. Ha  7 giorni di prova gratuita. Il suo utilizzo mi aiuta a capire quali contenuti sono migliori rispetto ad altri attorno ad un argomento. Puoi anche pianificare i post su Facebook e Twitter, inoltre hai diverse tematiche da verificare come Quote, Business, Marketing, Top News. Ecco la mia ricerca su #tourism.

Postplanner social media engagement

 

Se vuoi conoscere altri tool leggi anche > 11 Free Tools per Social Media Marketer

Conclusioni

Hai visto cosa si può creare intorno ad un hashtag? Per me oramai rappresenta un elemento decisivo, di differenziazione per creare e racchiudere una Community. Come tutte le attività sui social media anche questa richiede tempo, dedizione, e diffusione di questa strategia. Se hai un sito o un blog lo inserirei con un messaggio.

E dimmi hai già un hashtag per il tuo brand oppure devi crearlo? Hai mai utilizzato questi tool? Come sempre aspetto una tua opinione.


Social Media Manager, guido le piccole e medie imprese a sviluppare una presenza e distribuzione online attraverso i social media, con tecniche di visual content marketing e studio di campagne social advertising nei maggiori social network. Laureata in Economia e Management del Turismo.

Condividi