Web Marketing

Vuoi aumentare traffico sul sito web?

 

Vuoi aumentare traffico verso il sito web? Beh, prima di tutto devi dare un buon motivo al tuo pubblico. Sono loro che visiteranno il tuo sito. 

Le Persone sono sempre al centro di tutto. Sappiamo benissimo che il motore di ricerca (Google) è la prima fonte di traffico per un sito web, le persone iniziano a cercare informazioni su ciò che gli interessa, per poi approfondire sul sito web e social media.

Sicuramente  ci sono vari aspetti su cui bisogna lavorare per avere un buon posizionamento in SERP ( Search Engine Result Page). Secondo Moz, tra fattori principali che determinano un buon posizionamento del sito web, non vanno considerati solo le keywords che le persone ricercano in quel momento; basare il content marketing sulla base di argomenti di tendenza del momento, link buildinig, ecc… Ma sono una serie di aspetti che ho racchiuso in quattro argomenti, appunto: la SEO, Responsive e Graphic Design, Content Marketing attraverso il blog e infine l’attività di Social Media Marketing.

1. SEO (Search Engine Optimization)

I principali fattori che determinano un buon posizionamento nella SERP, sono stati dichiarati da una ricerca condotta su 150 professionisti del marketing specializzati in SEO  (Ranking Factors Expert Survey), a cui sono stati chiesti di esprimere un parere su una scala da 1 a 10 su una serie di affermazioni che riguardano la SEO.

I fattori di posizionamento di maggior rilievo secondo i professionisti SEO sono i seguenti:

√ L’autorità del dominio (in base al suo livello)

√ La presenza di Keywords attinenti con il Title della pagina visitata

√ L’autenticità del contenuto all’interno della pagina

√ Numero di link (interni ed esterni) utilizzati nella pagina

√ Se la pagina visitata è mobile friendly

√ Metriche Social: quante volte il link è stato condiviso (Google Plus è il social con maggiore impatto sulla SERP)

√ Volume di ricerca del Brand nella SERP

Questi sono quelli positivi. Mentre, quelli negativi citandone alcuni sono: contenuti duplicati, pagine con contenuti scarni, pagina non mobile friendly, spam nella pagina, uso scorretto di link building. Non sono un’esperta SEO, però curando il mio blog, ho imparato alcune metriche fondamentali per rendere il mio blog performante a prova di SERP.

Fattori di Posizionamento secondo Moz.com

 

Per poter analizzare il tuo sito lato SEO, puoi farlo attraverso la dashboard di WordPress, oppure attraverso un tool come WooRank.comOvviamente non dimenticare che puoi vedere tutto ciò che accade nel tuo sito da Google Analytics. Se hai aperto un account Google Plus per la tua attività, potrai accedervi direttamente dalla dashboard di MyBusiness.

2. Responsive e Graphic Design

Come ti ho accennato prima, avere un sito responsive (adattabile a qualsiasi device) è fattore fondamentale di posizionamento. Oramai la maggior parte delle persone si connettono via mobile (smartphone) e fanno attenzione a tutta una serie di particolari come: la funzionalità del sito, la velocità di caricamento e infine la grafica. Devo dire con il tempo e facendo questo mestiere, sono diventata anche io molto attenta a certe cose. Per non parlare che molte mi recano anche fastidio. Pensa, sono critica anche con il mio blog che è di una semplicità unica, ma da migliorare.

Per questo che mi sento di dirti di curare i particolari, anche di graphic design e immagini da inserire nel sito web. Fai attenzione a quando scegli il tema (il vestito del sito web), leggi bene le caratteristiche, e soprattutto se è compatibile con gli ultimi aggiornamenti di WordPress

Inoltre per vedere altri temi adatti alla tematica che dovrai affrontare, ti consiglio di fare un giro su Envato Marketdove potrai trovare non solo temi e template in base alle tue esigenze, anche grafiche vettoriali, immagini, foto, plugin.

Facendo così, le persone avranno piacere ad entrare nel tuo sito web, e non scappare dopo 3 secondi.

3. Content Marketing attraverso il Blog

Il content marketing oramai è la nuova merce di scambio. È il modo in cui ti mostri ai tuoi potenziali clienti, se decidi di farlo attraverso l’attività di blogging è meglio. Te lo dico perché è un buon modo per farti conoscere e di far conoscere il modo in cui operi.

Un buon contenuto deve essere generoso, non intendo con le parole, ma fornendo una serie di informazioni che possono essere utili ai tuoi lettori. Che questo passi attraverso un post blog, podcast o un e-book (che spero di mettere in atto per questo blog al più presto), non ha importanza. Fare Content Marketing è una strategia che non sottovaluterei. Inoltre ti permette di raccogliere lead e attivare azioni di e-mail marketing.

Ad esempio se sei un hotel, potresti raccontare quello che accade nella struttura, gli eventi organizzati. Far capire ad una persona il perché deve venire da te, e non scegliere un tuo concorrente.

Però ammettiamo che tu non voglia fare attività di blogging. Non vuoi svelare assolutamente i tuoi segreti. Una cosa che devi assolutamente evitare, è il contenuto delle pagine scarne. Spiega al meglio quello che puoi fare per i tuoi clienti. Non dare per scontato niente. Evita di usare parole troppo tecniche, non tutti conoscono il tuo linguaggio. Per farla breve non tutti fanno il tuo lavoro.

Ricorda che una pagina deve saper vendere il prodotto o servizio che stai proponendo. Quindi oltre alla parte copy, cerca di strutturare al meglio la tua landing page comprese di call to action che invitano all’azione.

4. Social Media Marketing

Il Social Media Marketingaiuta notevolmente il traffico verso il sito web. Certo la maggior fonte di traffico è il motore di ricerca, ma i social media sono delle ottime Venue per creare e sviluppare una Community e fare inbound marketing

Per fare marketing sui social media c’è bisogno di una strategia, che vada ad analizzare e studiare come operare al meglio attraverso i canali che si sceglieranno. Non è facile, però ti posso dire con l’esperienza, prima di aprire mille canali, osserva le conversazioni in rete e in base a delle parole chiave  puoi capire le richieste e il sentiment attorno ad un determinato argomento in questo momento, e potrai sviluppare un piano editoriale

Una cosa, non devi dimenticare di avvalerti di un bravo grafico, che sappia capire le tue esigenze e i tuoi servizi per progettare dei post sui social media.

Per osservare le conversazioni i tool che possono tornarti utile, sono: Tagboard.com e Google Trend. Con tagboard puoi creare una board per uno specifico topic, ad esempio food, ed osservare le conversazioni che avvengono sui social media. Questo ti permette di analizzare ciò che ruota attorno all’argomento e come viene trattato dagli influencer, e dalle persone comuni.

Come ti dicevo i social media sono degli ottimi mezzi per far crescere traffico verso il sito web. Questo può avvenire avviando campagne advertising sui social, soprattutto su Facebook e Twitter, in base all’obiettivo da scegliere. Da non trascurare la scelta dei plugin, in modo che le persone possano condividere le pagine del tuo sito, oppure gli articoli che scrivi.

Ti consiglio il Plugin Shareaholic. Hai una vasta scelta di tasti di condivisione oltre a quelli dei social media più conosciuti. Puoi analizzare i tuoi contenuti e pagine, e migliorare le performance grazie a questo plugin.

Fine

Nel mio ambito si discute molto del sito web, e come renderlo performante per rendere l’esperienza dell’utente la migliore possibile e non farlo scappare via. L’aumento del traffico verso il sito web fa parte degli obiettivi da intraprendere in una strategia di web-marketing. Di questo ne parlerò anche al corso Social Media Strategy in partenza il 27 Febbraio.

Come dicono gli americani “More Traffic, More Leads and More Money”.

Ora tocca a te, cosa fai per aumentare traffico verso il sito web?

 


Social Media Manager, guido le piccole e medie imprese a sviluppare una presenza e distribuzione online attraverso i social media, con tecniche di visual content marketing e studio di campagne social advertising nei maggiori social network. Laureata in Economia e Management del Turismo.

  • Ciao, grazie mille per questo approfondimento, sono considerazioni sicuramente valide e che possono essere utili a coloro che devono stabilire una priorità di aspetti SEO su cui concentrarsi per ottimizzare i propri contenuti. A presto!

    • Marina Pitzoi

      Grazie Ilario, sono diversi spunti di riflessione soprattutto in base alla mia esperienza da spettatore che gestore del mio blog. A presto!

Condividi