Social Media Marketing

Idee per il social media marketing

Più vado avanti è più mi rendo conto quanto sia difficile il mio lavoro e le problematiche che riscontro con i contenuti, soprattutto quando cerco di far capire ad aziende e professionisti quali vantaggi possono avere da questo tipo di attività. Probabilmente ti sto ponendo davanti a questa riflessione perchè è in fase di svolgimento il Corso di Social Media Marketing e molto spesso con i corsisti affrontiamo tematiche legate ai contenuti da produrre e come capire l’audience a cui destinare il messaggio.

È inutile girarci intorno, con l’attività di social media marketing bisogna guadagnare.

Leggi anche > 3 consigli per gestire i Social Media in azienda

Per questo è necessario avere un piano di azione. Sui social media si conversa e si possono raggiungere gli obiettivi di marketing di tuo interesse. In questo Facebook è molto chiaro: quale obiettivo vuoi raggiungere con le inserzioni?

Obiettivi di marketing su Facebook

 

Notorietà, Considerazione e Conversione: sono tra gli obiettivi che si possono raggiungere attraverso le inserzioni.

Ma prima di pensare a questi, vorrei che prestassi attenzione a questi 5 suggerimenti che sto per darti. Sono frutto della mia esperienza, studio e osservazione della rete.

1. I social media sono più umani di quanto tu creda

I social media sono piattaforme a tutti gli effetti. Però, è anche vero, senza le persone i social media non avrebbero questo successo – e – senza le persone le aziende non aprirebbero le loro pagine business per promuovere i loro prodotti e servizi.

Le persone attraverso i social media conversano con i brand, vogliono avere informazioni di ciò che accade all’interno dell’impresa, lancio di nuovi prodotti, rilasciano recensioni, condividono momenti di vita quotidiana con i loro amici e parenti.

Non è più un divario uomo e tecnologia, anzi il contrario. La tecnologia ci aiuta a semplificare i processi di impresa e ad aiutare a risolvere i problemi ai clienti, un esempio è l’attività di customer care attraverso i social media – oppure – pensa a tutti gli aggiornamenti da parte delle piattaforme per rendere sempre più piacevole l’esperienza dell’utente, sempre più vicina agli interessi e comportamenti delle persone.

2. Gli UGC sono di un valore inestimabile, non trascurarli!

I contenuti prodotti dagli utenti sono più credibili dei contenuti pubblicati dai brand. Per quanto un brand si armi di grafici, copywriter e compagnia cantante, i suoi contenuti non avranno mai lo stesso valore di una recensione di un caro amico, oppure di un post su come un nostro amico sia stato bene a mangiare nel ristorante di zona.

Ci sono tanti brand che sanno molto bene questo e sfruttano al meglio questa occasione come tattica per aumentare la loro credibilità e notorietà. Come? Condividendo i contenuti prodotti dai loro clienti. Instagram è un ottimo luogo dove poter condividere le foto scattate dai clienti o condividere pensieri di influencer.

Un tool che può essere di aiuto è Regrann

3. Personalizza i contenuti grafici con il tuo brand

La Brand Identity agli occhi di chi ti guarda deve essere chiara e forte. Certo un’azienda local avrà contenuti diversi rispetto ad una Corporate. L’azienda local avrà contenuti basati principalmente sullo storytelling, mentre un’azienda tech o che vende un prodotto specifico è necessario che personalizzi i contenuti in base al suo brand come fa Coca cola per il suo prodotto Coca Cola Zero.

4. Presta attenzione ai micro-momenti

Il web corre veloce è ha una crescita esponenziale. Secondo i dati Digital 2016  di We are Social rispetto a gennaio 2015 il numero di utenti attivi in internet è aumentato del 10%, più 10% gli utenti attivi sui social media, più il 4% di utenti attivi da mobile, più il 17% di utenti attivi sui social media da mobile.

La crescita esponenziale degli utenti attivi da mobile ha cambiato le nostre vite e le aspettative delle persone nei confronti dei brand. Per questo Google conia un nuovo termine – Micro Moments – in cui suggerisce ai brand di prestare attenzione alle ricerche effettuate da mobile, in quanto rappresentano i bisogni delle persone in real time. Questo video di Think With Google  fornisce le giuste indicazioni per catturare l’attenzione degli utenti e come portarli all’acquisto.

5. Monitora la tua attività web e social

Il monitoraggio dell’attività web e social è fondamentale per capire come attuare le strategie future e comprendere al meglio i bisogni delle persone e portarli all’azione. Il monitoraggio ti aiuta a studiare meglio le  buyer personas per la tua attività e raggiungere gli obiettivi in azienda. Alcune volte non bastano gli analytics della Pagina Facebook, Twitter e Google My Business, bisogna avvalersi di tool che aiutano il monitoraggio della brand reputation e il rumor che c’è attorno al brand.

In questo può correre in tuo aiuto il tool di Brand Monitoring di SEMrush.

Un altro modo per capire meglio gli utenti per il tuo sito web è quello di avviare un indagine attraverso l’e-mail. Grazie ad un questionario di ricerca puoi raccogliere informazioni utili su quello che pensano le persone nei confronti del tuo sito web o quello che pensano su un tuo prodotto. Per questo tipo di attività ti consiglio Qualitando.

Conclusioni

Il Social Media Marketing non è fatto solo di contenuti per intrattenere il pubblico, ma di studio, ricerca e monitoraggio dei dati per capire meglio i futuri clienti e aiutare le aziende a raggiungere gli obiettivi di business. È fondamentale testare i contenuti e vedere i risultati che hanno prodotto.

Ora tocca a te. Mi piacerebbe sapere la tua opinione, lascia pure un commento!

 

P.S.: ti sei iscritto alla newsletter?


Social Media Manager, guido le piccole e medie imprese a sviluppare una presenza e distribuzione online attraverso i social media, con tecniche di visual content marketing e studio di campagne social advertising nei maggiori social network. Laureata in Economia e Management del Turismo.

Condividi